Teatroterapia

Ho passato 20 anni sul palcoscenico, era la mia seconda casa. Mi ha regalato un bagaglio di esperienza e di emozioni, che è quasi impossibile da quantificare.
Avendolo poi praticato parallelamente a tutti gli altri percorsi di crescita personale e tecniche energetiche, è venuto da sé che i mondi si influenzassero a vicenda in modo davvero sintomatico, rendendo la mia una spiritualità molto creativa, una spiritualità “Prêt-à-porter” come mi piace definirla.

“Fare teatro” … due parole, un mondo.

Si perché “fare teatro” non è imparare a recitare una riga, una pagina, un copione a memoria…almeno non per me ma soprattutto non CON me.

Fare Teatro non è andare su un palcoscenico o indossare un costume, anzi forse questa è una delle ultime cose.

Fare Teatro è infilarsi una mano nell’anima, rovesciarla, guardarsela per benino e poi mandare lei in scena.

Attraverso il teatro si possono affrontare tutti i temi della vita che ci vedono in difficoltà, bloccati, restii ad affrontarli.

In fondo gli strumenti per imparare a “fare teatro” sono quelli alla base di ogni tecnica o disciplina di benessere che si rispetti: la concentrazione, il coraggio e il respiro.

Non da ultimo, ci si diverte 🙂

E’ ovviamente un percorso che richiede tempo e pazienza ma che ti ripaga, alla fine, con un’immensa soddisfazione personale per i risultati raggiunti.

Info qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: